Dimmi come celebri…

È proprio vero: nella liturgia convergono tante dimensioni che parlano di noi: la lingua, le tradizioni, la pietà popolare, il senso di Chiesa, di comunità e di società, il senso di Dio, la visione del mondo … e l’elenco potrebbe continuare. 

Ecco perché l’APS “Laboratorio don Bosco oggi”, in collaborazione con IME Comunicazione Sociale Ha organizzato e coordinato, Il 27 novembre 2020 alle ore 19:30, un webinar con questo tema “La nuova edizione del Messale Romano. Presentazione liturgico-pastorale”. Sono stati sottolineati, sin dai primi interventi: il saluto dell’ispettore dei salesiani del meridione (don Angelo Santorsola) e dal Vescovo di Castellaneta e Presidente della commissione episcopale della Liturgia (Mons. Claudio Maniago), alcuni fondamenti teologici di una pastorale vissuta tra unità e diversità. A volte non ce ne rendiamo conto, ma già nell’attuale liturgia confluiscono vari elementi culturali di origine latina, greca ed ebraica. Basti pensare alle parole “Kyrie, Alleluia, Agnus Dei”, tanto per citarne alcune. La liturgia ha a che fare con i sentimenti, perché esprime delle dimensioni molto profonde dell’essere umano. Nella celebrazione dei misteri pasquali (passione, morte e risurrezione di Gesù) riscopriamo il passaggio dalla vita alla fede e dalla fede alla vita. Don Giovanni Zaccaria (docente della Pontificia Università della Santa Croce), si è soffermato sul rapporto tra “tradizione e traduzioni”, elementi fondamentali per comprendere la ricchezza dei testi delle orazioni (eucologia) secondo la sinergia presente dalla celebrazione della fede (lex orandi), alla professione della fede (lex credendi) per vivere la fede (lex vivendi), inoltre nella sua relazione si è soffermato sull’Ars celebrandi come anche essa, nel segno e nel gesto, realizza una sua “eucologia” .

Il modello per la Chiesa post conciliare e citato da papa Francesco nella Evangelii Gaudium (28), ovvero quello della comunione, diviene la sfida che a partire dalla terza edizione in lingua italiana del Messale Romano coinvolge la vita pastorale e spirituale della Chiesa in Italia. Questo obiettivo pastorale è stato presentato da Sr Elena Massimi, FMA (docente Istituto liturgico Padova). Tale comunione implica una sensibilità culturale di tutti gli operatori pastorali e di una regia liturgica ben animata e motivata nei codici propri della liturgia. Sappiamo bene, però, che questo è ancora un obiettivo, da raggiungere anche grazie ad una formazione interculturale, ad una passione ben determinata e ad un “pizzico di flessibilità”.

Le conclusioni (teologico liturgiche) affidate a Don José Luis Gutiérrez Martín (Direttore Istituto di Liturgia della Pontificia Università della Santa Croce) e carismatiche salesiane a Don Gianpaolo Roma (delegato di Pastorale Giovanile per i salesiani dell’Italia Meridionale) hanno evidenziato come il Messale Romano, nella sua terza edizione in lingua italiana come la liturgia sia una prodigiosa sintesi della nostra dimensione verticale - rapporto con Dio – e orizzontale – rapporto con gli altri. In essa abbiamo l’occasione non solo di costruire una comunità, ma soprattutto di sentire che la nostra umanità è elevata verso Dio e le nostre diversità sono portate ad un livello superiore, dove riscopriamo quanto S. Paolo scrisse ai Galati: “Non c’è più giudeo né greco, schiavo né libero, uomo né donna, ma siamo uno in Cristo Gesù” (Gal 3, 28).

Il webinar ha ricevuto, in diretta, 1710 visualizzazioni, 80 reazioni emoticon e 95 commenti. I commenti hanno sottolineato la bravura dei nostri relatori ed anche qualche problema tecnico (audio). Personalmente penso che dobbiamo ritenere, da questo video incontro, la bellezza del cammino mistagogico che la celebrazione eucaristica, nelle espressioni di preghiera del Messale Romano di ieri, di oggi e di sempre, ci offre; in secondo luogo l’impegno per l’ “Ars celebrandi” non solo da parte del sacerdote celebrante ma da parte di tutti i fedeli convenuti in assemblea ed, infine, riaffermare con la nostra adorazione e conformazione a Gesù la Sua presenza tra noi.

Don Pino Ruppi, sdb

 

LINK PER RIVEDERE LA DIRETTA

 

 

News ANS

Spagna – Il Rettor Maggiore inaugura il Parco Don Bosco a Valladolid

(ANS – Valladolid) – La celebrazione dei 50 anni di presenza salesiana a Valladolid, in ... leggi tutto

Spagna – Il Rettor Maggiore: “Edificare il Vangelo con sapore salesiano”

(ANS – Valladolid) – L’ultima giornata della visita del Rettor Maggiore, Don Ángel ... leggi tutto

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news