LA MADONNA DI NAGASAKI - La coscienza al tempo del Covid-19

sabato 16 maggio 2020

Ci sono tanti modi per riflettere su questo tempo di pandemia, sulla sacralità della vita e sul rinnovamento della coscienza mondiale. Questo articolo è un tentativo di riflessione che parte da un’immagine sacra, la Madonna di Nagasaki, uno dei pochi reperti rimasti quasi intatti dopo l’esplosione della bomba atomica sulla città nipponica. Il 9 aprile 1945, in pochi istanti, più di 40.000 persone trovarono la morte, spazzate via come niente dal lampo di fuoco o dall’onda d’urto. La pandemia del Covid-19, facendo registrare numeri simili, sta forse ricordando all'uomo il prezzo salato della sua arroganza e il vetro sottile della sua vulnerabilità? È forse giunto il tempo di un rinnovamento sociale? È forse giunto il tempo di realizzare il sogno di pace tanto desiderato dalla giovanissima Sadako Sasaki, simbolo dell'olocausto nucleare?

Un grande grazie e un caro saluto 

Don Massimo

 

per continuare a leggere

SCARICA L'ARTICOLO DA QUI

 

 

Torna all'archivio

News ANS

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news